Jay Hanna | PerthNow

3 marzo 2018

“PERTH, mi sento davvero onorato di suonare qui stasera,” ha esclamato Ed Sheeran la scorsa notte mentre ha dato il via al tour più grande che l’Australia abbia mai visto davanti a 60.000 fan all’ Optus stadium.

Nelle prossime settimane, Ed Sheeran suonerà per milione di fan nelle 18 date del suo stadium Tour che toccherà tutta l’Australia e la Nuova Zelanda.

Il 27enne cantautore ha anche ammesso che si è trattato del primo concerto al nuovo Optus Stadium, che ha brillato a pieno titolo con straordinarie strutture e ottima acustica.

“Sono così felice di essere qui nel vostro nuovo stadio”, ha detto Sheeran. “È folle suonare in un posto così grande.”Indipendentemente da ciò che potreste pensare, questo è il primo tour completo in cui sono mai stato.”

Ma se era nervoso, l’inglese non lo ha mostrato mentre si lanciava nel brano intriso di nostalgia Castle on the Hill. Il singolo di successo dell’ultimo album di Sheeran, Divide, ha scatenato un singalong immediato in tutto lo stadio.

All’inizio della settimana il cantante ha promesso ai fan che avrebbe suonato le canzoni che volevano ascoltare e ha mantenuto la promessa. Non ci sono state sorprese nella set list che includeva il suo primo successo, The A Team, insieme ai pilastri Photograph, Thinking Out Loud e Sing dai suoi tre album in cima alle classifiche.

Questi album – Plus (2011), Multiply (2014) e Divide (2017) – hanno venduto 38 milioni di copie in tutto il mondo, quindi non c’era da meravigliarsi che la maggior parte della folla conoscesse ogni parola mentre Sheeran si faceva strada attraverso 18 canzoni.

Mentre gli schermi su larga scala e gli schermi luminosi erano impressionanti, questo è ancora uno spettacolo da stadio decisamente semplice.

La semplicità dello spettacolo mette in evidenza quanto l’anomalo Ed Sheeran sia un’industria nota per i suoi eccessi. Per Sheeran, non c’è niente da nascondere. Non c’è flash abbagliante, costumi sgargianti, ballerini coreografati o orchestre dal vivo – diamine, non c’è nemmeno una band!

È solo un uomo, vestito come un tipo normale nel pub, con poche chitarre, una loop pedal e il suo malloppo di canzoni pop radiofoniche.

Che ti piace la sua musica o no, devi ammettere che Sheeran è una storia di successo.

Oltre al suo talento di scrittore, l’amabile inglese è un cantante disinvolto con fascino in abbondanza. Con il suo umorismo autoironico può incoraggiare persino il più esigente frequentatore di concerti a cantare o tenere in alto il suo telefono.

Prima di lanciarsi nel mash-up di Dive / New Man ha esortato tutti a lasciare andare le loro inibizioni.

“Tutti dovrebbero venire a un concerto per divertirsi. Non dovresti venire a un concerto per sembrare figo. Quindi, Perth alla fine dello show avremo tutti perso le nostre voci – be ‘, spero, io no,  perché ho ancora qualche spettacolo – ma tutti voi avrete perso la voce. Spero di farvi ballare tutti.

“Per favore, ti chiedo Perth, farete i pazzi per me stasera? ”

E’ riuscito perfino persino a convincere i riluttanti fidanzati “che non vogliono davvero essere qui” e i “Superpapà” a lanciare le loro braccia in aria durante Bloodstream.

“Adoro il mio lavoro, È così divertente, che modo di passare un venerdì sera!”

Il culmine della serata è stata la versione di Sheeran del classico di Nina Simone Feeling Good e I See Fire, che ha scritto per la colonna sonora del film del 2013 Lo Hobbit: The Desolation of Smaug.

Prima di interpretare il suo ultimo smash Perfect, la sua ode alla fidanzata Cherry Seaborn, Sheeran lo ha proclamato il suo preferito di tutte le sue canzoni.

È stato sicuramente un momento indimenticabile per una coppia in tribuna quando si è scatenato una applauso nel momento in cui un uomo ha fatto la proposta alla sua partner. Sheeran non si è fermato, tuttavia, ha incantato con  Nancy Mulligan e la ballata sentimentale Thinking Out Loud, prima di lanciarsi nell’infelice hit hip-hop Sing. A quel punto ha fatto saltare lo stadio.

È tornato per il bis del singolo più venduto dello scorso anno – Shape of You prima di chiudere la serata con You Need Me, I Do not Need You. Mentre la musica continuava a suonare in loop, Sheeran vagava per il palco desideroso di sfruttare al massimo ogni secondo.

“Perth, che notte,” ha urlato mentre lo stadio scoppiava in un applauso.

Inutile dire che è già storia.

 

Traduzione di Annalisa Santini – EdTeamIatalia


Annalisa

Amo la musica che mi fa emozionare, che mi fa piangere, ridere, mi fa muovere anche se non voglio... la musica di Ed è tutto questo per me e molto ancora...

0 commenti

Lascia un commento